sabato 5 dicembre 2009

Comincio a mantenere qualche promessa......



                                          

Un cappello a fatto con la tecnica della forcella



 Che cos'è la forcella? E' un "attrezzo" fatto a U che si utilizza con l'uncinetto per formare appunto queste strisce che vengono poi unite in vari modi per ottenere lavorazioni diverse. Per imparare vi consiglio il blog di Sasha (http://forcellando.blogspot.com/)che insegna molto bene con video, spiegazioni, foto, modelli e, per chi non la trovasse nei negozi , insegna  anche come farla. E' grazie a lei che mi sono cimentata in questa tecnica. Veramente sapevo già usare la forcella, imparando da un libro di punti ad uncinetto, ma non mi trovavo molto....  il lavoro veniva, ma ci mettevo tantissimo tempo e alla fine rinunciavo. Vedendo i suoi video ho capito come muovere meglio mani, uncinetto e forcella, così mi sono appassionata.



Allora 5 strisce, 4 a forcella, una a ferri a costa 2 dritti 2 rovesci


Vediamo come si fa.
Ho usato una lana mohair con dei "luccichini", uncinetto n. 4,5 e forcella n.'7 ( 7 cm di distanza tra le due parti della forcella), ferri n. 4,5 e uno n. 15
La striscia piccola è formata da 40 anelli, le altre 3 da 80 anelli. Per la striscia a ferri avviare 80 maglie e lavorare a coste 2 dritti 2 rovesci per 10 o 12 giri. Fare ancora un giro tutto a dritto col ferro n. 15 oppure a maglie allungate, cioè girando la lana 2 volte sul ferro prima di estrarre e lasciar cadere la maglia lavorata.
Fatte tutte le strisce si passa ad unirle.



Prendo da sotto i primi due anelli  della striscia superiore



poi prendo, sempre da sotto, i primi due anelli dell'altra




e li passo dentro ai due già sull'uncinetto


                                        

prendo altri 2 anelli sopra e li passo dentro agli altri 2


                                     

altri 2 sotto e li passo dentro agli altri




continuo così fino alla fine


                                     

Per la terza striscia si fa allo stesso modo




Accidenti! c'è un errore, lo vedete? è quel buchino all'attaccatura tra la prima e la seconda striscia. L'errore è che ho preso 2 volte i due anelli dalla stessa parte. L'unica soluzione è staccare fino al punto sbagliato e riattaccare giusto. Per questo è bene controllare spesso di non fare errori. Può capitare anche di saltare un anello e allora ogni tanto capovolgete il lavoro e controllare di averli presi tutti, perché anche in questo caso bisogna staccare e rifare.



A questo punto si sfila delicatamente il ferro dalle maglie e si procede come prima. Se avete fatto le maglie allungate sarà un pochino più complicato perché restano arrotolate, ma basta fare più attenzione.


                                    

Ora manca solo la striscia corta della parte superiore che ha 40 anelli, cioè la metà delle altre.


                                     




                                       

 Allora si prende un solo anello della striscia piccola


                                        

e 2 dell'altra


                                      

ancora non assomiglia ad un cappello


                                      

Prendiamo un ago da lana bello grosso, meglio se ha la punta arrotondata e passiamo un filo della stessa lana raddoppiato negli  anelli superiori


                                     

tiriamo e leghiamo

 

Si fermano tutte le strisce e si cuce il bordo a coste e il cappello è finito.
Non vi ho mostrato come fermare perché ancora non ho trovato un modo che mo soddisfa, diciamo che vado un po' a caso, non mi viene male, ma non ho un sistema definito. Provate.....


E questo vi piace?

                                        

Stesso sistema: ho usato la lana avanzata da quello di prima, e stesso tipo di lana, di un altro colore, avanzata da  un altro lavoro. Guardate con due colori come viene carina l'unione delle strisce!

Volendo si possono fare anche 5 strisce ognuna di colore diverso, sfruttando appunto avanzi di lana. Non ce ne vuole molta, di solito bastano 50 grammi anche se la quantità dipende dal tipo o la grossezza della lana.
Oltre che con i colori, si può variare anche con l'unione delle strisce: invece che unirle due anelli alla volta si può con uno solo o con tre, anche di più se si usa una lana fine e ci sono anche altri sistemi con archetti di catenelle o strisce intervallate con lavorazioni ad uncinetto.

Non finisce qui.......

 .



                                  

Il mio canale You Tube

Blog preferiti di maglieria a macchina ( a parte un paio....)

Tanti punti

Disegnare

Si è verificato un errore nel gadget

Maukie - the virtual cat 2